Che sarebbe stata una stagione in salita si è sempre saputo, ma tutto sommato, si sono avute delle buone risposte, nonostante la sconfitta per 36 a 6 rimediata in quel di Roma, contro i Gladiatori, compagine strutturata e ben disposta in campo.

Su un terreno di gioco ai limiti della perfezione, i ragazzi di coach Calò pagano la naturale inesperienza nel giocare ad 11 e l’inserimento in prima squadra di diversi rookies in ruoli chiave, al loro primo impegno ufficiale assoluto. Si sono avute buone risposte dalla difesa, che ha messo a segno due intercetti con Daniele Seccia e Nicola Curci ed un Touchdown sempre ad opera del cornerback Nicola Curci, da registrare ancora l’attacco che ha faticato a carburare per quasi tutta la partita, fatta eccezione per un paio di drive molto buoni, fermati a poche yards dall’end zone, da una difesa, quella romana, che ha tenuto botta per tutta la partita

.     

Il punteggio forse punisce eccessivamente una squadra che ha messo in mostra buone individualità, ma che, necessariamente, dovrà fare tesoro di questa stagione per accrescere il suo bagaglio tecnico e di esperienza, d’altro canto, la dirigenza e lo staff tecnico hanno messo in preventivo che il salto di categoria, avrebbe potuto portare dei problemi dal punto di vista dei risultati.

I tori matti dovranno metabolizzare quanto prima questa falsa partenza, perché sono attesi da altri due impegni casalinghi in rapida successione, contro formazioni di tutto rispetto. Si comincia sabato 4 Marzo, sul sintetico del Manzi-Chiapulin, contro gli Elephants Catania.

Scrollatasi di dosso l’emozione per l’esordio in Division II, ci si aspetta una reazione importante dalla squadra pugliese, per continuare a dimostrare di meritare la categoria e per un pronto riscatto tra le mura amiche!

Ufficio Stampa Mad Bulls Barletta